Ferdinando Scianna

Ferdinando Scianna (Bagheria, 1943), appena ventenne incontra lo scrittore Leonardo Sciascia, con il quale condivide una lunga amicizia e gli stessi interessi e la stessa curiosità. La sua attività professionale si snoda attraverso tematiche quali la guerra, frammenti di viaggio, esperienze mistiche, religiosità popolare, ritratti, per approdare a metà anni Ottanta anche alla fotografia di moda e pubblicitaria.

Il suo primo libro è Feste religiose in Sicilia, in cui racconta la cultura e le tradizione della regione, esce nel 1965 e nell’anno successivo vince il premio Nadar.

Partito dalla Sicilia e approdato a Milano come fotoreporter per “L’Europeo” gira il mondo e fotografa le Ande boliviane, la Spagna, l’Africa, l’India, l’America. Successivamente diventa corrispondente da Parigi dove incontra il grande fotografo Henri Cartier-Bresson, che lo introduce, primo italiano, nell’agenzia Magnum Photos, la più importante agenzia fotografica al mondo. Nel 1993, ha dedicato il libro Marpessa all’omonima modella.

Tra gli altri suoi numerosi libri: Città del mondo (1988), Le forme del caos (1989), Viaggio a Lourdes (1996), Dormire forse sognare (1997), Sicilia ricordata (2001), Quelli di Bagheria (2002), Ferdinando Scianna: la geometria e la passione (2008), Ti mangio con gli occhi (2013).

Ha fatto più di un milione di fotografie, ma ha anche scritto molto tra cui la sua biografia Autoritratto di un fotografo (2011).

26/09/2014 - Hotel Metropole

L’ospite presenta il libro “Visti e scritti”presso l’Hotel Metropole alle ore 17.00.

Interverrà il giornalista Carlo Ottaviano.

Durante il Taobuk, dal 19 al 27 settembre, presso l’ex Chiesa di Sant’Agostino (Piazza IX Aprile) avrà luogo la mostra fotografica “Emilio e altri siciliani” di Ferdinando Scianna, a cura di Marco Bazzini.